Golena del Furlo: il World Stage

Fano Jazz By The Sea chiuderà il festival in una location lontana dall’ordinaria quotidianità. Qui è praticamente impossibile non farsi ammaliare dalla rigogliosa natura del luogo e non essere sedotti dal suo fascino. Siamo in uno scorcio incantevole della natura tra Acqualagna e Fossombrone: la Golena del Furlo. Quest’ultima farà da contorno alla chiusura del Main stage con Dobet Gnahorè.

Fano Jazz By The Sea alla Golena del Furlo

Fano Jazz By The Sea inaugurò la location del Furlo nel 2010 portando così il festival nell’entroterra marchigiano. La Riserva Naturale Statale Gola del Furlo, gioiello del Montefeltro con il suo paesaggio impetuosamente roccioso e la montagna “spaccata” dal Candigliano, rappresenta l’ambientazione ideale per sottolineare la profonda relazione tra il territorio e l’anima green del festival.

Dal 2010 la Golena del Furlo è diventata un appuntamento tra i più importanti del festival, dove ogni anno migliaia di persone si ritrovano per festeggiarne la chiusura all’insegna della World Music e dello spirito di aggregazione e inclusività.

World Stage: alla Golena del Furlo il palco si apre al Mondo

Ed è proprio in questo luogo distante dal caos e dal caldo della città che nella serata del 28 Luglio l’energia di Fano Jazz by the Sea risveglierà i suoni del mondo. Sarà una serata all’insegna del divertimento caratterizzata da sound etnici che coinvolgeranno il pubblico dal profondo: si balla!

Dobet Gnahorè

A giostrare l’evento sarà Dobet Gnahorè, vulcanica artista africana, vecchia conoscenza di Fano Jazz by the Sea che ha calcato il palco per la prima volta nel 2010.

Dobet è un’artista eclettica in grado di abbinare alle sonorità degli strumenti africani un pizzico di tecnologia. La sua opera è composta da elementi della rumba congolese, del bikutsi camerunense, dell’high-life ghanese, e del ziglibiti ivoriano; un mix di culture africane dunque invaderanno la Golena per una sera. La sua voce unica e la sua danza irresistibile travolgeranno il Furlo in uno tsunami jazz! 

Un’esperienza unica e gratuita

L’ingresso al World Stage è GRATUITO. Sarà possibile vivere un’esperienza unica data dall’abbraccio tra la dimensione più ludica del festival e la bellezza paesaggistica del territorio.