Fano Jazz By The Sea: il festival ecosostenibile

di Emanuele Fortino

Non solo jazz ma anche una particolare attenzione alle questioni ambientali che rappresentano una sfida cruciale per il futuro: un festival al passo con i tempi che si fa promotore della valorizzazione del territorio e della gastronomia locale in una manifestazione ad impatto zero.

In continuità con le passate edizioni Fano Jazz By The Sea , ora al suo ventisettesimo anno, ha deciso di rincalzare con ancor più forza l’impronta ecologista che da anni contraddistingue la manifestazione fanese. Quale altro genere musicale se non il jazz da sempre portatore di valori universali e di impegno civico poteva veicolare con una certa efficacia messaggi a favore dell’ecosostenibilità e al rispetto dell’ambiente?

L’esigenza di una nuova cultura green

Viviamo in un epoca di profonda crisi ambientale da cui si può uscire solo grazie ad una presa di coscienza collettiva del problema che coinvolga istituzioni e cittadini. Appena un anno fa l’Organizzazione Mondiale della Salute ha rilevato una stima secondo cui l’inquinamento delle polveri sottili e degli impianti di riscaldamento ad energie fossili causerebbe 7 milioni di morti l’anno.

Molti dei danni procurati all’ambiente sono irreversibili, perciò spetta a noi decidere se continuare a peggiorare la situazione oppure se acquisire un’etica più responsabile adottando abitudini più green.  Ognuno di noi deve fare la sua parte attraverso piccoli gesti che, se effettuati da tutti, possono avere un potere rivoluzionario sulla qualità dell’aria che respiriamo e sulla nostra salute.

Segnali incoraggianti arrivano dalla ribalta mediatica riscossa dal movimento FridaysForFuture guidato dalla giovanissima Greta Thunberg e dall’affermazione dei Verdi e altri partiti di ispirazione ambientalista riscontrata nelle recenti elezioni europee.

Che cos è un festival ecosostenibile?

Fano Jazz By The Sea non si sottrae di fronte ad una delle sfide più importanti del futuro. Come dichiara il nostro motto “Take a Stand”, prendiamo posizione a favore di una nuova etica improntata alla sostenibilità. Infatti seguendo le tracce delle precedenti edizioni, l’organizzazione si impegnerà nella creazione di un evento a impatto zero: dall’allestimento del palco composto da materiale ecocompatibile, alle illuminazioni led, all’adozione di impianti audio di ultima generazione a bassissimo impatto ambientale fino ai truck food per la ristorazione, dove verranno utilizzate posate e stoviglie mater-bio. Coerentemente alla filosofia plastic free del festival sarà possibile fruire dell’acqua attraverso delle borracce di latta che verranno riempite da dei dispenser che sfruttano l’acquedotto comunale. La raccolta differenziata sarà guidata da un gruppo di giovani volontari del territorio.

Inoltre verrà promossa la mobilità sostenibile con l’iniziativa Fano Jazz Byke The Sea e l’esposizione di auto ibride ed elettriche in appositi stand. Il collante che tiene insieme tutti gli elementi della manifestazione è dato dalla professionalità a km zero: Fano Jazz attinge esclusivamente alle forze presenti nel territorio, con un notevole risparmio di energie economiche e favorendo la crescita di figure professionali locali.

Musica, cultura, sensibilizzazione ma anche svago e divertimento

La rassegna sarà teatro di artisti di fama internazionale. offrirà dunque serate di grande musica e cultura specie nella sezione del Main Stage dove sarà possibile assistere ai concerti dei musicisti di maggior rilievo (per maggiori informazioni clicca sul LINK).

Anche quest’anno verranno promosse iniziative GRATUITE a favore del rinnovamento generazionale  e dei codici del linguaggio del jazz attraverso lo Young Stage. Uno spazio dedicato ai giovani talenti, italiani ed internazionali, in ascesa nel panorama della musica jazz e il Cosmic Journey dove è possibile gustarsi le sfumature futuristiche del genere composte da affermati dj fino a tarda notte.

Non solo giovani ma anche bambini: Fano Jazz By The Sea è un festival per tutte le età e rivolge attenzioni anche ai più piccoli con Favole in Jazz in collaborazione con Associazione Mosaico Musicale e con il Concerto per Bebè a cura degli insegnanti dell’Audiation Institute. Tra gli eventi speciali va inoltre segnalato il Concerto all’Alba: alle ore 5 della mattina il pianista Mirko Signorile saluterà il sorgere del sole del 21 Luglio all’Anfiteatro Rastatt.

Al di là della funzione meramente musicale, Fano Jazz By The Sea assumerà un ruolo di sensibilizzazione ponendo l’accento sulle problematiche più importanti del nostro tempo che non riguardano solo l’ambiente. Ci sarà spazio per la riflessione su una tematica altamente cruciale per la società di oggi: quello del flusso migratorio. In questo senso l’iniziativa intitolata Exodus: gli echi della migrazione sarà utile per porre preziosi spunti di riflessione sulla tolleranza e sul tema dell’accoglienza

Tuttavia non mancherà l’opportunità di svago e divertimento per i più giovani! Il Green Jazz Village rappresenta al meglio l’anima del festival, questo spazio GRATUITO ed aperto a tutti, oltre ad essere il luogo della promozione della causa sostenibile sarà anche sede di aperitivi, chiacchiere, possibilità di nuove conoscenze, il tutto con sottofondo di musica jazz che favorirà un rapporto ancora più armonioso tra i partecipanti e l’ambiente circostante.